VIRTUS ORTONA-LANCIANO 1-0: PRIMA SCONFITTA STAGIONALE PER I ROSSONERI

Primo passo falso stagionale dei frentani che inciampano ad Ortona

Dopo quattordici vittorie consecutive ed un girone di andata chiuso a punteggio pieno, il Lanciano di mister Alessandro Del Grosso cade ad Ortona. A decidere è un tiro-cross su punizione del classe '93 Stefano Fedele, che si insacca sotto l'incrocio. 

Primo tempo che vede i rossoneri tenere il pallino del gioco in mano, con i padroni di casa che, rintanati nella loro metà campo, cercano di ripartire in contropiede. La prima significativa palla gol è proprio per il Lanciano: è il minuto 10' quando Omar Shipple scambia su un corner corto da destra e spedisce in area un cross al veleno per Mario Quintiliani che stacca di testa concludendo di poco a lato. Quattro minuti più tardi c'è la risposta dell'Ortona con Del Peschio, che se ne va in azione personale sulla destra e scarica a rete sul primo palo trovando una grande risposta di Di Vincenzo. Il primo tempo si avvia alla conclusione con il Lanciano che cerca di sbrogliare la matassa e di bucare un Ortona attentissimo in fase difensiva: al 35' ci prova Sardella, che riceve un cross teso dal solito Shipple e cerca il palo più lontano con un colpo di testa; il pallone esce di un paio di metri alla sinistra della porta difesa dall'estremo difensore gialloverde. A due minuti dal termine del primo tempo arriva la beffa per gli ospiti: punizione da posizione defilata per l'Ortona alla cui battuta va Fedele che sorprende Di Vincenzo con un destro a giro che si infila alla sinistra del portiere rossonero. Il più classico dei "tiri-cross" sarà l'episodio decisivo ai fini del risultato finale. 

Il secondo tempo si apre con un Lanciano che sembra reagire allo svantaggio maturato sul tramonto della prima frazione: al 55' ci prova ancora Sardella con un destro da fuori area sul primo palo neutralizzato da Nardone con una respinta. Otto minuti più tardi c'è il tentativo di Tarquini, che si vede negare la gioia del gol da un intervento prodigioso ancora di Nardone. L'ingresso di Cianci sulla destra, seppur non in condizioni ottimali, dona al Lanciano nuova vérve: proprio l'esterno classe '97 impensierisce l'estremo difensore gialloverde con un destro a incrociare da destra respinto non senza affanni dal portiere casalingo. Ancora Nardone protagonista sul finale di gara su Quintiliani che sfiora il pareggio in due occasioni. I sette minuti di recupero vedono i frentani capitolare dopo una prestazione che, seppur opaca, dona un responso bugiardo ai fini del risultato e dei valori visti in campo. 

Non tutti i mali vengono per nuocere: gli occhi dei ragazzi di mister Del Grosso a fine partita lasciavano trasparire una veemente voglia di ripartire già dal prossimo match in casa contro il Vasto Marina, quando Di Gennaro & Co. ritroveranno l'abbraccio di un pubblico che anche oggi non ha esitato a sostenere i colori rossoneri (erano in 300 i tifosi che hanno affollato gli spalti del Comunale).

Tutti uniti per un unico obiettivo!

#forzalanciano #amorepersempre