VILLA 2015-LANCIANO 1-4: I ROSSONERI INFILANO LA TERZA VITTORIA CONSECUTIVA

Nove punti in tre partite, Lanciano primo a bottino pieno in attesa dell’infrasettimanale

Il Lanciano espugna con un 4-1 il Valle Anzuca di Francavilla e si mette alle spalle l’insidiosa trasferta contro il Villa 2015 volando a punteggio pieno al vertice della classifica, con sedici reti segnate e tre subite in tre gare giocate. Mister Del Grosso si schiera con il consueto 4-3-3 confermando 10/11 della formazione scesa in campo nella scorsa giornata contro il River: Francesco Di Gennaro prende il posto dello squalificato Omar Shipple.


Avvio scoppiettante per i frentani: al 7’ Avantaggiato sventaglia per La Selva che si accentra e cerca la via della rete col sinistro; la sua conclusione sporcata da una deviazione termina a lato di poco. Sul calcio d’angolo seguente lo stesso La Selva va ad imbeccare Petrone che taglia prima di tutti sul primo palo e mette a segno l’1-0 con un colpo di testa imprendibile. Per il centrocampista campano è il primo goal in campionato, il terzo stagionale dopo i due centri contro l’Ortona in Coppa Italia. Al 12’ i padroni di casa trovano il pari: Vatavu ci prova dalla distanza, Perri respinge il pallone che carambola addosso a De Santis prima di essere ribadito in rete da Scarpa per il goal che vale il momentaneo pareggio. Un minuto più tardi Vatavu prova a sfruttare il momento propizio e di testa manda alto il pallone del possibile 2-1. Al 21’ il Lanciano sviluppa una grande azione sulla destra sull’asse Boccanera-Tarquni, mail cantravanti rossonero conclude out da buona posizione. Un minuto più tardi lo stesso Tarquini si rende protagonista di una fuga sulla destra prima del cross teso per Mario Quintiliani che stoppa e accomoda in rete il pallone dell’1-2. Seconda marcatura in campionato per la mezz’ala rossonera. Al 31’ ci riprova il Villa con il solito Vatavu che sfrutta una leggerezza della coppia centrale frentana ma spedisce alto. Al 34’ il Lanciano trova l’1-3: Quintiliani sciabola da sinistra sul secondo palo da palla inattiva, Scudieri raccoglie l’invito e scodella in area dove Tarquini infila il tris di rapina. Al 44’ il Lanciano rischia di chiudere anticipatamente la pratica con La Selva che, dopo un dribbling secco al limite dell’area, fa esplodere un missile terra aria che si stampa sul palo.

La ripresa si apre con il sinistro dalla distanza di Vatavu che scalda i guanti di Perri, bravo a respingere in tuffo. Al 21’ Petrone imbecca Quintiliani nel cuore dell’area di rigore; il centrocampista non inquadra lo specchio della porta con il suo colpo di testa. Al 34’ sempre Quintiliani sfiora il goal con un sinistro al volo da 25 metri; bravo Nardone a deviare in angolo. Il poker rossonero é nell’aria e arriva al minuto 36 con un’azione da manuale del calcio: Petrone apre per Cianci che serve Tarquini in posizione centrale; il 9 rossonero vela per il ben appostato La Selva che cerca e trova il taglio dello stesso Tarquini che mette a sedere il portiere e sigla il suo quarto centro stagionale in tre match disputati.

Prosegue a tamburo battente il cammino del Lanciano in questo avvio del campionato di Promozione; mercoledì si torna subito in campo per il turno infrasettimanale contro il Sant’Anna sotto i riflettori dello Stadio Guido Biondi per continuare insieme a scrivere la storia.