RAIANO-LANCIANO 1-8: ESORDIO DA INCORNICIARE PER I ROSSONERI

Quattro goal per tempo e grande spettacolo offerto dai frentani

Da aprile ad oggi non sembrano essere trascorsi oltre quattro mesi: la sinfonia è sempre la stessa. Il Lanciano esordisce brillantemente nel campionato di Promozione espugnando l’ostico campo di Raiano con il perentorio punteggio di 8-1.

Gara sbloccata quasi immediatamente dagli ospiti: è il minuto 4 quando Mario Quintiliani dà il là ad una splendida azione corale che si sviluppa sulla destra con il terzino Boccanera che effettua un traversone basso verso Tarquini; il centravanti vela per l’accorrente Quintiliani che chiude quanto iniziato pochi istanti prima con un destro a incrociare dai 15 metri prima di correre ad esultare con un inchino sotto i 200 tifosi accorsi da Lanciano per sostenere i ragazzi di mister Del Grosso. Come lo scorso anno è Mario Quintiliani a siglare la prima rete stagionale per i rossoneri. Al 16’ arriva il raddoppio del Lanciano: La Selva batte corto dalla bandierina e scambia con Sardella prima di crossare in area per il difensore goleador Natalini che realizza con un prepotente colpo di testa: nuova stagione, vecchie abitudini. Passano otto minuti ed il Lanciano cala il tris: Sardella riceve un pallone invitante sulla destra da Avantaggiato; l’esterno classe ’97 controlla e secca Addario con un destro terrificante che termina sotto l’incrocio. Al 26’ Scudieri tenta l’eurogoal da 40 metri, palla a lato di poco. Al 28’ ancora un angolo corto di La Selva per Tarquini che prova a piazzare sul secondo palo ma trova la respinta di Addario; la respinta si rivela tuttavia inutile perché ancora Lorenzo Sardella realizza con un goal di rapina. Quattro reti in tre spezzoni di partita tra campionato e coppa per un Sardella letteralmente indiavolato in questo inizio di stagione. Sullo scadere ci prova Tarquini al volo, ma la palla termina alta.

Nella ripresa il copione è pressoché lo stesso: primo tentativo di marca frentana firmato da Petrone che da trenta metri impegna Addario. Al 6’ prima occasione per il Raiano con un coast to coast di Di Giannantonio che sfiora il goal evitato dalla respinta di Kossiakov. Al 21’il Lanciano ricomincia a macinare azioni su azioni: Omar Shipple ubriaca di finte il suo avversario e pesca in area Tarquini che realizza con un sinistro sporco che termina all’angolino; è 0-5. Centoventi secondi più tardi è ancora Shipple ad involarsi verso la porta dopo un grande recupero di Verna; il faraone viene atterrato irregolarmente in area e realizza il rigore spiazzando Addario e siglando il goal dello 0-6. Al 31’ si accende La Selva con una serpentina in area che non lascia alternative alla difesa che non siano il fallo da rigore. A battere il penalty lo stesso La Selva che però si fa ipnotizzare da un attento Addario. L’appuntamento con il goal è tuttavia solo rimandato per il classe ’93: è il minuto 34 quando il neoentrato Francesco Di Gennaro protegge un pallone in area prima di scaricarlo per lo stesso La Selva; il dieci rossonero si accentra e realizza con un sinistro ad incrociare. Palla al centro e 0-7, ma La Selva non è ancora sazio e si invola in azione personale verso la porta realizzando con un piazzato rasoterra la doppietta ed il goal dello 0-8 per il Lanciano. Al minuto 37’ c’è il tempo per il goal dell’orgoglio del Raiano che scaturisce da un calcio di rigore provocato da un fallo del neoentrato Trisi. Saponaro spiazza Kossiakov e realizza la prima rete della sua stagione. Tanto onore per un avversario che non ha mai smesso di lottare e di onorare la gara malgrado un risultato decisamente negativo. Da sottolineare l'esordio del prodotto del vivaio rossonero, campione provinciale con gli Allievi nella scorsa stagione, Fernando Malvone, alla prima gara in assoluto in Promozione. 

Non ci poteva essere debutto migliore per il Lanciano di mister Alessandro Del Grosso nella nuova categoria; un Lanciano sì neopromosso, ma con una voglia immensa di continuare quanto cominciato nell’anno zero in Prima Categoria. Buona la prima ed appuntamento tra sette giorni al Biondi per il match contro il retrocesso River Chieti, per continuare a sognare in grande.