ORTONA-LANCIANO 1-0: TERZA BATTUTA D’ARRESTO PER I ROSSONERI

Un goal all'undicesimo condanna la capolista

Il Lanciano cede il passo all’Ortona nel pomeriggio del “Comunale” al termine di una partita non particolarmente spettacolare decisa da un infortunio difensivo maturato nei primi minuti di gioco. Mister Del Grosso deve fare i conti con diverse assenze soprattutto in mediana, dove Elton Zela, all’esordio assoluto dal primo minuto, sostituisce la mezz’ala Mario Quintiliani. Acciaccato anche Daniele Avantaggiato che è però costretto a subentrare a partita in corso ad Antonio Petrone, uscito per problemi muscolari. A completare il centrocampo il classe ’94 Verna, mentre in difesa De Santis torna nel ruolo abituale sulla corsia di sinistra. Invariato il resto della formazione rispetto alla convincente vittoria contro il Passo Cordone.

La partenza del Lanciano è positiva: al terzo minuto Natalini sfiora la rete con un colpo di testa alto di pochissimo sugli sviluppi di un angolo battuto da Sardella. All’8’ è Verna ad impegnare Di Quinzio con un sinistro dalla distanza deviato in angolo. Tre minuti più tardi arriva l’episodio che deciderà il match: Boccanera effettua un retropassaggio rischioso di testa verso il portiere Di Vincenzo; ne approfitta Verì che è il più lesto di tutti ad arrivare sul pallone ed accomodare in rete il goal dell’1-0. Al 19’ arriva la risposta rossonera con un colpo di tacco di La Selva che sfiora il palo su cross basso di Tarquini da destra. Al 26’ una palla persa da Verna si trasforma in occasione da goal per i goalloverdi con Dragani che prova a sorprendere Di Vincenzo con un destro in pallonetto da 35 metri; bravo l’estremo difensore frentano a bloccare. Al 37’ Di Quinzio sventa ancora una volta il pericolo sul destro di Verna dalla distanza respingendo a lato. L’ultimo tentativo della prima frazione per i rossoneri è di La Selva che semina il panico sulla sinistra prima di incrociare un tiro potente che attraversa tutta l’area piccola e termina sul fondo.

Il Lanciano si butta in avanti sin dai primi minuti della ripresa e rischia di subire la seconda rete al 6’ con un contropiede di Dragani sventato da Scudieri che sfiora l’autogoal con un intervento in tackle. Al 18’ un’azione ben congeniata del Lanciano culmina con un destro di Sardella da venti metri che termina fuori di un soffio. Alla mezz’ora i rossoneri sfiorano per due volte la rete, ma prima Catenaro con un salvataggio sulla linea, poi Di Quinzio con un colpo di reni, negano la gioia del goal a Tarquini e De Santis. Al 31’ La Selva cestina una grande occasione concludendo debolmente di testa nel cuore dell’area di rigore. Al 33’ si fa rivedere Sardella con una conclusione dalla distanza, pallone alto di poco. Allo scadere ancora due occasioni per la capolista: un cross da sinistra di De Santis viene deviato sul palo da Catenaro in scivolata; sugli sviluppi del corner è ancora De Santis a concludere fuori quella che di fatto è l’ultima opportunità per i rossoneri.

Il Lanciano mantiene il primato in classifica ma viene agganciato in testa dalla Bacigalupo Vasto Marina vittoriosa per 2-0 contro la Casolana. Domenica prossima lo scontro diretto al Biondi sancirà anche quella che sarà la compagine campione d’inverno tra i vastesi ed i rossoneri. Martedì la ripresa degli allenamenti per il Lanciano con la necessità di rialzare la testa dopo la battuta d’arresto odierna.