LANCIANO-SPOLTORE 0-0: PARTITA MASCHIA E PUNTO GUADAGNATO PER I ROSSONERI

Quarto risultato utile consecutivo per un Lanciano che continua a crescere

Partita maschia tra Lanciano e Spoltore per la quinta giornata di Eccellenza: pareggio a reti bianche, il secondo consecutivo per i rossoneri che possono, in fin dei conti, guardare il bicchiere mezzo pieno al termine di un match durissimo contro una compagine molto organizzata, che ha dato seguito all’ottima prestazione dell’infrasettimanale contro il Chieti. Mister Oddi schiera il consueto 4-4-2 con Cappelli e La Barba centrali affiancati da De Santis e Ruscitti davanti a Rossetti; chiavi del centrocampo in mano a capitan Marfisi con il giovane Fasoli ad appoggiare gli esterni De Carlo e Selvallegra. Davanti Paravati fa coppia con Di Rocco.

Partita in cui regna l’equilibrio, con lo Spoltore padrone del campo per larghi tratti del match e con un Laniano velenoso in ripartenza e ordinato in difesa.

La prima palla goal è per gli ospiti, con una leggerezza difensiva frentana che poteva costare caro: Cappelli viene scavalcato da un’imbucata di Di Camillo che spalanca la porta a Said; provvidenziale De Santis a respingere e poi Rossetti a salvare miracolosamente su Sparvoli da due passi. Il Lanciano risponde poco prima del quarto d’ora con lo squillo di Fasoli dalla distanza che termina alto sulla traversa. Poco dopo la mezz’ora Di Rocco si divincola sulla trequarti e fa partire un bolide disinnescato prontamente da Spacca che devia in corner. Al 37’ il Lanciano sciupa la gestione di una seconda palla al limite dell’area e porge il fianco ad un contropiede letale dello Spoltore: Said supera tutti ma trova sulla sua strada ancora un super Rossetti a dire di no in uscita bassa.

La crescita del Lanciano nella seconda parte della prima frazione si arresta nella ripresa, con un inevitabile calo fisico a cui fa da contraltare uno Spoltore redivivo: al 17’ Said ruba la palla a La Barba sulla fascia e si scontra per l’ennesima volta con un Rossetti in giornata di grazia. Due minuti più tardi Pietrantonio si scatena sulla sinistra e apparecchia per Colecchia che conclude debolmente di testa fra le braccia di Rossetti. Il destro alto di Natale è l’unica occasione per il Lanciano nella ripresa che viaggia ad un ritmo molto spezzettato e non gode di ulteriori occasioni fino al termine.

LANCIANO (4-4-2): Rossetti, Ruscitti (31’ pt Nikolla, 15’ st Surugiu), De Santis, Cappelli, La Barba, De Carlo, Selvallegra, Marfisi, Paravati (15’ st Natale), Fasoli, Di Rocco (45’ st Zela). A disposizione: Minerba, Di Pinto, Mancini, Flores, Rossi. Allenatore: Giancarlo Oddi.

SPOLTORE (3-5-2): Spacca, Maggiore (43’ st Basile), Zanetti, Di Camillo, D’Ignazio, Chirilov, Belli (15’ st Milizia), Ewansiah (15’ st Colecchia), Said, Sparvoli, Pietrantonio. A disposizione: Salvatore, Malandra, Sichetti, Tiberi, Diallo, Planamente. A disposizione: Alessandro Del Gallo.

Arbitro: Franchi di Teramo (Zugaro di L’Aquila, Falcone di Vasto).

Ammoniti: Nikolla (L); Ewansiah (S), Chirilov (S), Zanetti (S).

Spettatori: 250 circa.