FRESA-LANCIANO 0-0: PRIMO PAREGGIO A RETI BIANCHE DELLA STAGIONE

Lanciano fermato sullo 0-0 a Fresagrandinaria, secondo pari stagionale per i frentani

La ventitreesima di campionato ha visto il Lanciano protagonista nella trasferta di Fresagrandinaria contro il fanalino di coda del girone B di Prima Categoria: il pari strappato con le unghie e con i denti dai padroni di casa lascia intendere come nel calcio, ed in special modo in questa categoria, non ci sia nulla di scontato. Per i rossoneri confermata la formazione iniziale che ha dilagato nella gara interna contro il Roccaspinalveti, con Alessandro Tarquini al centro dell’attacco e Pablo Val nel ruolo di mezz’ala.

Pallino del gioco subito nelle mani dei frentani che però faticano a trovare spazi nella linea difensiva a 5 biancorossa. La prima palla gol arriva all’11’ con Omar Shipple che si accentra da sinistra e batte a rete col destro; la sua conclusione a giro, però, si spegne di poco a lato. Passano nove minuti e Tarquini spedisce alto da pochi metri un pallone ben imbucato dal motorino Antonio Petrone. Al 21’ ancora il centravanti rossonero ci prova con una rovesciata che termina a lato non di molto. Due minuti più tardi è il turno di Pierluigi Scudieri, che, ben imbeccato dalla punizione di Mario Quintiliani, conclude di testa schiacciando il pallone che viene però respinto dall’estremo difensore casalingo. Al minuto 26 il faraone Shipple viene atterrato da dietro a pochi metri dalla porta, episodio dubbio sul quale il direttore di gara decide di sorvolare. Il primo tempo scivola via con il Lanciano che tiene costantemente il possesso del pallone nella metà campo avversaria senza però trovare il bandolo della matassa.

La seconda frazione rispecchia il copione della prima: al 5’ c’è il tentativo in azione personale di Alessio Natalini che ci prova di sinistro da 25 metri impegnando Albanese che blocca in due tempi. Al 14’ fuga sulla sinistra di Shipple che viene murato ancora una volta dall’estremo difensore biancorosso. Due minuti più avanti Petrone cerca di pescare il jolly con un destro da 25 metri che viene smorzato da un difensore e poi deviato prodigiosamente in angolo da Albanese. Al 24’ il Fresa ha l’occasione per portarsi in vantaggio con Zara che approfitta di un’incertezza di Giancristofaro rimasto ultimo uomo in un calcio d’angolo a favore, e si invola verso la porta difesa da Di Vincenzo; la conclusione del numero 10 termina però larga di qualche metro. Passano 10 minuti ed il Lanciano ha nuovamente l’occasione per portarsi in vantaggio con il neoentrato Alex Cianci che, da posizione defilata, effettua un tiro-cross che attraversa tutta l’area piccola prima di terminare la sua corsa sul fondo. Prosegue il forcing dei rossoneri: al 45’ Tarquini conclude di testa verso Albanese che anche questa volta si supera bloccando a terra il pallone. L’ultima occasione capita sui piedi di Quintiliani che non riesce a concludere in goal una mischia a ridosso dell’area piccola.

Seconda partita stagionale che vede il Lanciano uscire dal campo senza aver segnato almeno una rete; poco male tuttavia: i rossoneri allungano il distacco sulla Virtus Ortona seconda in classifica, e restano capolista solitaria a 6 lunghezze di vantaggio. La prossima settimana i ragazzi di Del Grosso osserveranno un turno di pausa in virtù del ritiro dal campionato dell’Atletico Cupello. Il prossimo impegno sarà sul campo del Tre Ville domenica 18 marzo, per riprendere immediatamente la corsa verso l’obiettivo.

Si ringrazia il Fresa Calcio per la calorosa accoglienza riservata al Lanciano Calcio 1920, in particolare il presidente e l’intera comunità per avere ospitato la nostra società, calciatori e dirigenti nel terzo tempo a fine partita; un grande esempio di correttezza e lealtà che vanno al di là dei colori, specie in una giornata, quella odierna, che ha visto la tragica morte del capitano viola Davide Astori stravolgere il mondo del pallone italiano.

#forzalanciano #amorepersempre #frentani