DI GENNARO RECORD-MAN ROSSONERO: A SEGNO IN TUTTE LE SERIE DALLA B ALLA PRIMA CATEGORIA

Sei categorie con il goal nel DNA, Di Gennaro è un cannoniere senza tempo

Il goal di domenica in casa del Bucchianico è particolarmente significativo e scrive a suo modo un’altra pagina di storia nella straordinaria carriera del capitano rossonero Francesco Di Gennaro. La rete dell’1-3 che sigilla il risultato a Guardiagrele, infatti, oltre ad essere la prima realizzazione in campionato per il centravanti frentano, è la prima rete personale in un campionato di Promozione.

Un dato a prima vista insignificante, ma che, facendo la cronistoria della carriera dell’ex Hellas Verona, fa entrare Francesco Di Gennaro nella cerchia di giocatori che hanno segnato almeno un goal in tutte le categorie, dalla Serie B alla Prima Categoria.

Altro dato altrettanto significativo è che il goal sia arrivato con la maglia rossonera del Lanciano, club che lo ha lanciato tra i professionisti e che ora lui punta a riportare nell’elìte del calcio che conta.

Di Gennaro è inoltre entrato a far parte dell’ancor più ristretta cerchia di giocatori ad aver segnato con il club frentano in tre categorie diverse, ed è l’unico insieme a Luca Leone ad essere riuscito in questa impresa suddividendo le reti in campionati dilettantistici e professionistici.

L’attaccante rossonero diventa di fatto un bomber senza tempo, un giocatore che ha fatto dell’area di rigore la sua seconda casa indipendentemente dalla categoria di appartenenza, e che punta ad incrementare ancora il suo bottino di realizzazioni in campionato che attualmente ammonta a 140, la centoquarantesima proprio domenica scorsa, realizzate con le maglie di Formia, Ferentino, Lanciano, Lucchese, Gallipoli, Hellas Verona, Barletta, Matera, Real Metapontino, Campobasso e Francavilla.

 

Quello con il Lanciano, però, è un legame speciale, come spiegato proprio dal capitano rossonero nella nostra intervista:

“E’ un traguardo importante per me, che tenevo a realizzare proprio con questi colori addosso. - commenta il capitano rossonero - Lanciano è stata la prima piazza della mia carriera da professionista, una piazza a cui devo molto anche per l’affetto che mi ha sempre dimostrato. Oggi sono orgoglioso di far parte di questo progetto di rinascita del calcio lancianese, - conclude il classe '82 - e spero di contribuire in maniera importante per portare Lanciano ed il Lanciano Calcio dove merita”.