CAPISTRELLO-LANCIANO 2-4: MONTAGNE RUSSE ROSSONERE IN MARSICA

Il Lanciano espugna Capistrello con una prestazione massiccia e una pazza rimonta

La trasferta dell’Immacolata regala un’altalena di emozioni al Lanciano ed ai tifosi al seguito in terra marsicana: i frentani superano per 2-4 il Capistrello quarto in classifica in una delle trasferte potenzialmente più difficili di Eccellenza. Il match è una vera e propria giostra di occasioni condite da cambiamenti continui di stati d’animo su entrambi i versanti, con il Lanciano che tiene però in mano il pallino del gioco sostanzialmente per tutto l’arco dei novanta minuti, anche in occasione del momentaneo svantaggio poi polverizzato sotto i colpi di Shipple, Quintiliani e Miccichè. Proprio Shipple e Quintiliani “spaccano” la partita entrando dalla panchina ed imprimendo a suon di goal un graffio decisivo sul match.

La partenza del Lanciano è di quelle prorompenti: i rossoneri infatti sfiorano la rete tre volte in quindici minuti, prima con il destro di Sassarini che lambisce la traversa, poi ancora con il regista ligure, bravo ad incunearsi in area prima di essere atterrato ai limiti della legalità da un difensore marsicano, e poi con il colpo di testa di Natalini su corner spedito fuori con lo sguardo da Di Girolamo. La prima sortita marsicana arriva al 16’ con il timido colpo di testa di Franchi che termina fuori senza particolari patemi per Forti. Il Lanciano si rifà prepotentemente avanti al 22’ con Di Rocco, abile a rubare la palla in pressing sull’ultimo uomo, ma meno lucido del match interno contro lo Spoltore: l’attaccante frentano viene infatti ipnotizzato da Di Girolamo che devia in corner con un piede. Due minuti più tardi Miccichè offre a Petrone la palla del vantaggio, ma la mezz’ala partenopea mastica la conclusione che termina sul fondo. Sempre Miccichè al 25’ si rende pericoloso intercettando un errato disimpegno granata, la sua conclusione è però facile preda del portiere. Il goal è nell’aria ed arriva al 37’: Miccichè viene atterrato al limite dell’area dalla retroguardia ospite; proprio il “folletto”marsicano si incarica della battuta e realizza con un destro a giro sopra la barriera che trafigge l’incolpevole Di Girolamo. Ritorno al goal dunque per il capocannoniere del campionato dopo sei gare di digiuno. Il vantaggio non fa sì che si abbassino i ritmi del Lanciano: i rossoneri ritornano infatti alla carica al 40’ quando Gragnoli non è lesto a battere a rete la palla del raddoppio e conclude centralmente con un destro sporco. L’occasione più clamorosa del monologo frentano nella prima frazione è però per Di Rocco: Miccichè premia la sovrapposizione di De Santis sulla sinistra che pesca proprio l’ex Pineto sul secondo palo; il classe ’97 batte a botta sicura verso la porta sguarnita centrando però il palo esterno.

Si va a riposo sul punteggio di 0-1 che va strettissimo al Lanciano, e, come spesso accade, il Capistrello approfitta del poco cinismo rossonero sotto porta per tornare in partita ed addirittura rimontare con un 1/2 terrificante: al 4’ un rimpallo in area termina sul braccio di Verna; Bisegna si incarica della battuta e realizza con un destro potente sotto la traversa. Passano sette minuti ed il Capistrello coglie il momento propizio portandosi in vantaggio con un eurogoal di Franchi che trova la rete con un tentativo al volo che si insacca sotto l’incrocio della porta difesa dall’incolpevole Forti. Un doppio schiaffo che abbatterebbe chiunque ma non il Lanciano: mister Di Pasquale pesca dalla panchina gli uomini che rimettono in piedi la gara regalando una memorabile domenica ai tanti frentani al seguito. Il primo segnale di allarme in casa marsicana arriva al 23’ quando proprio il neoentrato Shipple prende le misure della porta di Di Girolamo con un sinistro che centra in pieno la traversa. Al 27’ è invece Minchillo a provarci con un destro ad incrociare sul quale si oppone Di Girolamo. I padroni di casa sono nuovamente alle corde ed il Lanciano rialza la testa con Shipple che bissa il tentativo di pochi istanti prima spedendo però questa volta la sfera all’angolino su assist di De Santis. Il goal come da previsioni fa pendere ulteriormente l’inerzia del match dalla parte dei rossoneri che si gettano in avanti alla ricerca del goal del nuovo sorpasso che arriva puntuale al minuto 41’ con l’altro neoentrato, Quintiliani, che piega le mani di Di Girolamo con un destro al volo su assist dello scatenato Miccichè. Rete del 2-3 e terzo centro in campionato per la mezz’ala frentana. La partita sembra essere in cassaforte ma il Lanciano non si ferma e trova addirittura la rete della sicurezza con Miccichè, abile a concludere in rete di rapina la corta respinta del portiere su una giocata clamorosa di Verna da sinistra. Una rete a coronamento di una giornata perfetta per il Lanciano che ritrova la vittoria in trasferta insieme al suo bomber Miccichè, approdato a quota quindici centri e di nuovo sul trono dei marcatori del campionato di Eccellenza.

CAPISTRELLO (4-3-3): M. Di Girolamo, Rozzi, Cipriani, Franchi, L. De Meis, Di Fabio, Di Francescantonio, Bisegna, Camara, E. De Meis, Salvini (6’ st Di Girolamo). A disposizione: L. Salustri, Venditti, Cicchinelli, Trombetta, G. Salustri, Panza, Salvati, L. De Meis.

Allenatore: Tonino Torti

LANCIANO (4-3-3): Forti, Minchillo, De Santis, Sassarini, Lucarino, Natalini, Miccichè, Petrone (35’ st Quintiliani), Gragnoli (35’ st Del Bello), Verna, Di Rocco (12’ st Shipple).

Allenatore: Giuseppe Di Pasquale.

Arbitro: Davide Galiffi di Alghero.

Reti: 37' pt Miccichè (L), 5' st Bisegna (C), 12' st Franchi (C), 34' st Shipple (L), 41' st Quintiliani (L), 50' st Miccichè (L). 

Ammoniti: Rozzi, Franchi, Bisegna, E. De Meis per il Capistrello; Miccichè, Minchillo e Di Pasquale per il Lanciano.

Espulsi: L. De Meis a fine partita.

Spettatori: 250 circa (50 ospiti).

Foto Uranio Ucci.