LANCIANO CALCIO E FLAMINIO: BINOMIO VINCENTE DA DECENNI

Alessandro Flaminio ci spiega il forte legame tra la sua azienda ed i colori rossoneri

Alessandro Flaminio, la vostra azienda storico sponsor del Lanciano: qual è il legame tra questa famiglia, questa attività ed i colori rossoneri?

Iniziò tutto con mio padre nella lontana stagione 1971/72: lui, assieme a Carlini e Mancini ha gestito la presidenza Petruzzi; era un periodo molto florido per il calcio lancianese . Da quegli anni siamo stati sempre vicini alle sorti del Lanciano Calcio fino ad oggi. La prima sponsorizzazione risale addirittura agli anni ’50.

Si è ripartiti dal basso ma possiamo finalmente dire che il Lanciano è tornato: che annata è stata quella attuale?

Il salto è stato sicuramente traumatico, a Lanciano eravamo abituati al professionismo ormai da decenni, quindi è inutile nascondere un certo rammarico. La ripartenza è iniziata dallo scorso anno, quando abbiamo dato vita all’Associazione Rossonera che aveva sede proprio nella nostra struttura. Con la Marcianese abbiamo iniziato a ridare vita al calcio lancianese, poi c’è stata la grandiosa opportunità di incontrare una persona come il presidente Fabio De Vincentiis con cui da subito c’è stato grande feeling. Dal primo momento si era capito che tipo di persona fosse ed oggi, ad un anno di distanza, posso dire di essere addirittura meravigliato in positivo riguardo al suo operato: il Lanciano Calcio ha una struttura che fa invidia a tanti club militanti in campionati professionistici, e tutto questo lo si è fatto disputando soltanto la Prima Categoria. Credo che nei prossimi anni si possa attuare un processo di crescita molto importante e ribadisco ancora una volta che quella di Fabio De Vincentiis era la miglior scelta che potessimo fare come Associazione.

Ha parlato del Presidente con accezione positiva, ci racconti anche un po’ il vostro rapporto…

Il rapporto non può che essere estremamente buono: Fabio De Vincentiis è una persona squisita della quale mi ha colpito molto la struttura interiore poiché crede moltissimo nella famiglia, nei suoi valori fondanti e nei rapporti interpersonali. Sono certo che non ci deluderà e che porterà avanti questo progetto nel migliore dei modi. L’unico dispiacere è dovuto, come accennato in precedenza, alla categoria che non compete neanche lontanamente con questa città e con una struttura societaria di questo tipo. In ogni caso, posso dire che noi come azienda stiamo continuando a collaborare e continueremo nei prossimi anni con questo percorso al fianco del Lanciano Calcio.

Abbiamo parlato di calcio e del Lanciano, ora ci racconti un po’ della sua azienda…

La nostra attività nasce nel 1948, nell’immediato dopo-guerra. A dargli inizio è stato mio padre Giovanni, assieme a mia madre Ines Pozzolini. Siamo partiti come concessionaria della “Auto Bianchi”, poi abbiamo stretto rapporti con “Officine Benelli”, dei quali siamo diventati concessionaria negli anni ’50. Nello stesso periodo, non a caso, il marchio Benelli appariva anche sulle divise rossonere del Lanciano Calcio. Successivamente siamo stati concessionaria Citroen, Iveco, e dagli anni ’70 siamo andati avanti con il marchio Lancia fino al 2010. Oggi siamo una concessionaria plurimarche, ed a livello imprenditoriale ci stiamo muovendo anche su molti altri settori, sempre, naturalmente, con il rossonero nel cuore.

#forzalanciano #amorepersempre #frentani